Centro meteo ISAC CNR: modello matematico propone abbondanti nevicate al Nord Italia

Anche il prestigioso Italian Institute of Atmospheric Sciences and Climate, con le grafiche delle sue mappe diffuse dal’omonimo sito web, indicano la possibilità di ingenti nevicate al Nord Italia per la giornata di giovedì 5 Febbraio.

MOLOC, fonte www.isac.cnr.it.
MOLOC, fonte www.isac.cnr.it.

Il modello matematico è il Moloc, si tratta di un LAM, ovvero un modello previsionale ad alta risoluzione.

Le zone maggiormente interessate dalla neve saranno le seguenti:

PIEMONTE: per il torinese accumuli tra i 10 ed i 25 cm, ma nel resto della regione i cm tendono a raddoppiare, con picchi superiori ai 100 cm nel sud cuneese.

LOMBARDIA: neve intensa su milanese, con accumuli prossimi ai 25 cm. Nel sud della regione si prevede una precipitazione nevosa superiore ai 25 cm, così come su ovest milanese, varesotto e comasco.

LIGURIA: possibile neve sino alle porte di Genova. Gran neve su tutta la fascia dei rilievi.

EMILIA: neve di forte intensità, in 24 ore viene indicata la possibilità di accumuli anche superiori ai 50 cm. ROMAGNA pioggia.

TRENTINO: forti nevicate specie nelle zone esposte a sud, con accumuli fin sino ai 40/50 cm in 24 ore. ALTO ADIGE nevicate sotto i 10 cm.

VENETO: episodi nevosi misti a pioggia in pianura, ma neve su veronese e vicentino. Tantissima neve dovrebbe cadere sulle Prealpi, sino al fondovalle.

FRIULI VENEZIA GIULIA. Neve sulla fascia collinare, con accumuli importanti, ma qui il peggioramento dovrebbe giungere venerdì.

In questa fase, nella Penisola italiana e Isole, cesseranno le condizioni favorevoli per la neve a bassa quota. E’ attesa neve sui rilievi maggiori.