Altro che ritorno dell’Inverno, a fine mese potrebbe venire il Burian

La lettura di questo articolo è rivolta solo a coloro che sono autentici freddofili. Le ultime elaborazioni del modello matematico che traccia le linee di tendenza sino a 30 giorni, mostrano una nuova fase di gran freddo sull’Europa, con la possibilità che coinvolga anche l’Italia.

Temperatura prevista al fine mese alla quota del geopotenziale di 850 hPa (circa 1500 metri).
Temperatura prevista al fine mese alla quota del geopotenziale di 850 hPa (circa 1500 metri).

Come è noto, le previsioni a così lungo termine necessitano di conferme, ma ciò non vieta che possano esser commentate e valutate per ciò che sono. E quest’oggi, dopo l’up grade di grandezza storica che è avvenuta da parte degli elaboratori americani, osserviamo che è stato confermato l’arrivo del clima rigido tipico dell’Inverno già dai prossimi giorni, con una fase freddissima (assolutamente da confermare) per la fine del mese, quando aria proveniente dalle pianure russe si sposterà verso l’Europa centrale e occidentale, lambendo anche l’Italia, con la possibilità di gelo imponente per il Nord del nostro Paese.

Proiezione pressione atmosferica al suolo ed alla quota di 500 hPa per fine gennaio 2015.
Proiezione pressione atmosferica al suolo ed alla quota di 500 hPa per fine gennaio 2015.

Potrebbe trattarsi il secondo evento di Burian, Burano o Burian per l’Europa.

A differenza dell’evento di fine dicembre, questo interesserà più direttamente il Nord Italia, dove si sta per avviare una fase nevosa, dapprima sulle Alpi (prossimi giorni), e tra circa una settimana anche in pianura.