Il GFS parallelo e le previsioni di Aprile freddo; i centri di calcolo matematici, sia europei che statunitensi, continuano con le loro implementazioni!

Per i modelli matematici, sia europei che statunitensi, gli aggiornamenti continuano con il tempo e non finiscono: dopo l’importante aggiornamento del modello europeo ECMWF, è adesso l’ora di quello statunitense, che, tra Aprile e Maggio, dovrebbe avere un importante upgrade.

Lo scopo di tutti questi aggiornamenti resta sempre quello di migliorare la risoluzione di tali modelli matematici, riducendo le approssimazioni, e quindi migliorando anche l’andamento previsionale sul lungo periodo.


Per fare questo sono necessari supercomputer sempre più potenti ed in grado di ridurre i tempi di attesa tra i singoli run previsionistici.

Comunque sia, è in funzione al momento il “GFS parallelo” , un test del centro di calcolo statunitense GFS che sta verificando la validità del nuovo modello, che dovrebbe sostituire quello vecchio tra un mese o due.

Le previsioni di questa mattina ci mostrano una possibile ondata di freddo e di maltempo che colpirebbe il Mediterraneo Centrale verso la fine della prima decade di Aprile, portando una forte ondata di maltempo sulla nostra Penisola.

Il forte Final Warming verificatosi nel mese di Marzo sta ancora  condizionando la circolazione globale del Nord Emisfero, esposto a continue espansioni verso nord degli Anticicloni del Pacifico e delle Azzorre.

Nelle due mappe successive, osserviamo, sempre stando alle previsioni del GFS parallelo, l’ondata di freddo prevista nel Nord America per il prossimo 02 Aprile, e quella prevista in Europa Occidentale per il prossimo 08 Aprile.

Si tratterebbe dunque di ritorni tardivi del freddo dovuti alle ingerenze in Troposfera del possente Stratwarming che ha interessato la Stratosfera nel corso del presente mese di marzo.

Si tratta comunque di previsioni a lunghissimo termine, che hanno bisogno di ulteriori conferme, ma sarà un buon test per verificare la validità della nuova versione del modello GFS.

Mappe da meteociel.fr

Exit mobile version