Luglio 2016; anomalia globale a +0,501°C, la distribuzione delle anomalie termiche sulla Terra.

Il mese appena terminato, sulla base dei conteggi NCEP – CFRS, con maglia di griglia di dati di 0,5 gradi, ha avuto un’anomalia termica di +0,501°C rispetto alla norma 1981-2010-

Un mese dunque piuttosto caldo a livello globale, con una risalita termica di quasi +0,1°C rispetto a Giugno 2016, anche se le temperature restano di circa -0,3°C rispetto al valore massimo raggiunto a Febbraio.

01 ago 16 ANOM2m_CFSR_GFS_1607_monthly_equir

Al solito, è il Continente Antartico ad avere misurato l’anomalia termica più bassa, a testimonianza di una stagione invernale australe davvero fredda: -0,64°C l’anomalia complessiva, contro un +1,246°C dell’Artico, che rimane molto caldo.

A livello di emisfero, quello nord presenta sempre un’anomalia di +0,715°C, contro i +0,287°C dell’Emisfero meridionale.

Infatti, le massime anomalie positive si ritrovano sulle zone artiche della Russia europea e sul Nord Africa, oltre che sul Medio Oriente: tutte zone situate nell’Emisfero Settentrionale.

RIguardo all’Europa,  il nostro Continente non è stato interessato da particolari ondate di calore, nello scorso mese.

Le anomalie positive si ritrovano soprattutto sulla Russia Europea settentrionale, mentre la Francia presenta anomalie negative.

L’Italia ha delle lievi anomalie termiche positive, più evidenti sul Nord Est.

01 ago 16 ANOM2m_CFSR_GFS_1607_monthly_europe