Dicembre 2013: caldo in Siberia e nell’Artico, gelo in America, Africa, Asia meridionale

Il mese di Dicembre 2013 ha rilevato un’anomalia termica complessiva di +0,092°C, con una temperatura media globale di +12,804°C.

Osservando la mappa delle anomalie termiche, notiamo che esse sono state particolarmente accentuate su alcune zone del nostro Globo.

Anzitutto si nota il grande caldo che ha colpito la Siberia Centrale, con anomalie mensili pari a 8-10°C in più della norma, con il caldo che ha preso anche tutta la zona Artica, con anomalie positive di circa +5-6°C.

Il caldo ha interessato anche l’Europa Settentrionale e l’Argentina.

Temperature più basse della norma di almeno 3-4°C hanno interessato l’Indocina, la Turchia, il Medio Oriente, l’Africa meridionale, l’Australia nord occidentale, parte del Brasile.

La anomalie negative più accentuate riguardano però tutto il Canada e l’America Settentrionale in genere, con punte di 10-11°C in meno della norma su base mensile per il Canada centro- occidentale.

Insomma, un mese quasi normale dal punto di vista termico, ma con vistose anomalie sparse per il globo.

In Italia invece il mese si è concluso con anomalie termiche miti ma piuttosto moderate, pari a +0,82°C rispetto alla norma, 22°C posto in classifica tra i più caldi dal 1800 ad oggi.

ncep_cfsr_t2m_anom_122013