Temperature artiche: si torna nella normalità!

Si è molto parlato, in questi giorni, della possibilità che il ghiaccio marino artico raggiunga, quest’anno, la sua minima estensione da quando si prendono le misurazioni satellitari (dal 1979), superando così anche il record storico del 2012.

Il fatto sarebbe legato alla presenza del Global Warming, particolarmente insistente sulle zone Artiche, quest’anno maggiormente “sensibili” agli effetti del Nino, il riscaldamento delle acque equatoriali del Pacifico che sconvolge la normale circolazione atmosferica su tutto il globo terrestre.

Se osserviamo il grafico emesso dal Servizio meteorologico danese (kmi), effettivamente le temperature artiche sono state molto al di sopra della norma nella stagione invernale di quest’anno, all’incirca per i primi 100 giorni dell’anno.

02 giu 16 artico

Gli effetti si vedono, attualmente, nell’estensione del ghiaccio marino artico che è al di sotto della norma.

Nel grafico del NOAA, notiamo un’estensione che è al di sotto della norma degli ultimi 10 anni, ed anche al di sotto del “terribile” anno del 2012.

02 giu 16 sea_ice_only

Tuttavia, notiamo anche che le temperature artiche (zona al di sopra degli 80° di latitudine N), sono tornate oramai nella norma, essendosi esaurito il fenomeno del Nino.

Anzi, al momento i valori termici risultano lievemente inferiori alla norma.

Questo fatto fa pensare che le cose possano cambiare nei prossimi mesi: infatti, dalle previsioni del centro di calcolo statunitense NCEP CPC, notiamo che, dopo un minimo raggiunto proprio nel mese di Giugno, l’anomalia dovrebbe rientrare rapidamente, fino a passare addirittura ad anomalie positive nell’estensione dei ghiacci durante il mese di Agosto!

02 giu 16 sieMon

Come al solito, dovremo verificare nei prossimi mesi se tali previsioni verranno confermate.