Arriva il Buran in Russia europea, prossima a un’ondata di freddo

Una massa d’aria di origine polare, tra alcuni giorni scivolerà dall’Artico Russo verso la Russia europea. Essa sarà associata ad un’area di Bassa Pressione. Vaste regioni del centro nord della pianura sarmatica vedranno tempeste di neve.

Anche se in Italia c’è Alta Pressione e fa relativamente caldo, ciò non significa che nel resto del Mondo il tempo atmosferico sia inerme. Vivaci tempeste invernali a catena interessano le Isole Britanniche e la Norvegia.

Ma adesso è il momento del freddo, questo sarà abbastanza marcato, ma non eccezionale, in Russia europea, e sarà generato da un flusso d’aria che verrà direttamente dall’Artico Russo. Da loro non vi sono barriere montuose che ostacoleranno l’arrivo dell’aria fredda da nord. E la bufera sarà accompagnata da nevicate di inusuale intensità, oltre che fortissimi venti.

In Russia si avranno le tipiche condizioni atmosferiche che loro chiamano Buran.

Il Buran per i russi è un forte vento fredda che soffia ad ovest degli Urali e che viene accompagnato da tempeste di neve. In Italia, il Buran è un vento che viene dalle loro parti verso di noi, e ha un significato differente, ed è associabile ad una condizione di gelo, di freddo, con o senza neve.

Queste le ultime elaborazioni diffuse dal GFS (Global Forecast System), che rappresentano la fase di Buran in Russia:

Proiezione pressione al suolo e 500 hPa per giovedì 17 Dicembre.
Proiezione pressione al suolo e 500 hPa per giovedì 17 Dicembre.

 

Proiezione temperatura alla quota 850 hPa per giovedì 17 Dicembre.
Proiezione temperatura alla quota 850 hPa per giovedì 17 Dicembre.