Altro gelo verso Italia, possibile neve al Nord e tirreniche

Aria fredda proveniente dai Balcani sta per spostarsi verso l’Italia, dove avremo un nuovo calo termico, ma soprattutto un nuovo peggioramento.

L’entità dell’evento meteo è di complessa definizione e interpretazione in ambito locale.

Il freddo che giungerà in Italia sarà quello che staziona attualmente al suolo nella regione balcanica, insomma, è quello che si è sedimentato negli ultimi giorni e che sta ghiacciando i maggiori fiumi europei.

Non avremo alcuna ondata di gelo storica, ma soprattutto per il Nord Italia ci sarà un periodo di freddo acuto che non andrà via rapidamente, in particolare Val Padana, dove poi seguiranno anche le inversioni termiche. Ma ci sono anche altre novità individuate negli aggiornamenti serali, che vedrebbero il posizionarsi, attorno al 13-14 Gennaio, di una depressione che sarebbe causa di nevicate di maggiore entità. Ma su ciò attendiamo conferme.

Qui nel seguito vi proponiamo l’animazione dell’ultima previsione delle precipitazioni attese in Italia nelle prossime 48 ore.
In verde ed in giallo è indicata la neve. In blu la pioggia.

Per la neve è rappresentata la stima di precipitazione solida, non gli accumuli al suolo.

In merito all’entità delle precipitazioni, non riteniamo che vi saranno tormente di neve.
Va comunque detto che per il Nord Italia, ma man mano che trascorrono le ore i modelli matematici di previsione accentuano l’entità dei fenomeni e soprattutto del freddo.

Questi vedono anche fioccate nella regione tirrenica.

Neve in Sicilia, a Nicosia.

Piuttosto, nel settore adriatico le precipitazioni potranno essere più abbondanti, in specie nelle Marche, l’Abruzzo ed il Molise. Ma abbondanti nevicate sono previste anche nelle zone interne della Campania, Basilicata, Puglia. Inoltre, in Adriatico la neve potrebbe riapparire anche nella costa.

Riguardo al freddo, stavolta l’aria fredda al suolo si sposterà specialmente verso il settore settentrionale dell’Adriatico e si spingerà lungo la Valle Padana sino al Piemonte, dove a ridosso dei rilievi, compresi anche quelli prealpini ed appenniniche che fanno a cornice della pianura, si avranno precipitazioni più fitte.

Al Nord, considerata la previsione di basse temperature, cadrà neve polverosa accompagnata anche da un rinforzo del vento.